top of page

Artisti

Kiki Smith

Norimberga, Germania 1954

Kiki Smith è considerata una tra le artiste concettuali più influenti del panorama contemporaneo femminista. Nasce nel 1954 a Norimberga in Germania. Da bambina si trasferisce a South Orange (New Jersey) con suo padre, lo scultore minimalista Tony Smith. Trascorre la propria giovinezza in un ambiente creativo, poiché gli amici del padre, tra cui Jackson Pollock, Barnett Newman e Mark Rothko, sono soliti far visita alla casa della famiglia.

 

Fin da subito Kiki Smith si ritaglia un posto nel mondo dell’arte femminista, dedicandosi soprattutto alla rappresentazione della figura umana, in particolare quella femminile o di singole parti del corpo come gli organi interni (cuore, fegato, polmoni, stomaco e milza), il sistema nervoso e le strutture cellulari. Dopo la morte del padre avvenuta nel 1980, divengono centrali nelle sue opere i temi della mortalità, della spiritualità e del misticismo. Il suo intento è quello di evidenziare gli esiti che la malattia provoca nell’organismo e nell’animo, toccando aspetti come la vergogna, il senso di colpa e la mortificazione. In questo modo viene data voce alla crisi dell’AIDS, malattia infettiva che in quegli anni causa molte vittime, di cui fa parte anche la sorella della stessa Smith.

Durante la sua carriera vanta l’uso di materiali singolari come capelli e lattice, c’era d’api e oro, gesso, bronzo, carta, vetro e porcellana, attraverso varie espressioni artistiche come la pittura, la fotografia, la scultura, il disegno, le installazioni, i gioielli, i libri d’artista, i video e le opere cinematografiche.

Le sue opere sono presentate nei più importanti musei del mondo: il Centre Pompidou di Parigi, il Moderna Museet di Stoccolma, il Whitney Museum of American Art di New York, il Solomon R. Guggenheim Museum di New York, Il Metropolitan Museum of Art di New York, la Tate Gallery di Londra, il Museum of Modern Art di New York, il Victoria and Albert Museum di Londra, il Museum of Contemporary Art di Los Angeles, il Museum of Contemporary Art di San Diego.

Kiki-Smith.jpg
_DSC4445.jpg

Kiki Smith

Mourning Drawing
2009
inchiostro, graffite e litografia su carta nepalese
179,1 x 80 cm

Sede Legale: Via Caleselle di Oriago, 131/b | 30034 Oriago di Mira (VE) | info@marco-orler.it

| Tel. +39 333 4744007

  • Marco Orler Fb
  • Grey Instagram Icon
  • TikTok
  • Youtube
logo-noemi-orler_02v2.png
bottom of page