top of page

Artisti

Sol LeWitt

Hartford, USA 1928-2007

L’artista americano Sol LeWitt nasce nel 1928 ad Hartford, in Connecticut. Lavora per un breve periodo di tempo come graphic designer a New York, presso lo studio dell’architetto I.M. Pei, vincitore del Premio Pritzker (prestigioso riconoscimento internazionale di architettura).

LeWitt diviene famoso in quanto figura di spicco del Minimalismo e del Concettualismo; negli anni ’60 opera una radicale trasformazione del gusto artistico attraverso disegni murali temporanei e strutture tridimensionali come cubi aperti, sfere, quadrati e altre figure geometriche basiche dal carattere minimal, dove esclude più dettagli possibili riguardo la forma seppur questa sia comunque percepita.

Le sue opere sono dette concettuali poiché hanno lo scopo di far risaltare l’idea ancor più dell’estetica, prendendo le distanze dalla tradizione in cui l’arte dovrebbe basarsi solamente su oggetti. L’idea è per LeWitt “una macchina che fa l’arte”, ancor più autorevole rispetto all’opera conclusa. Proprio per questo motivo, LeWitt a volte preferisce commissionare ai suoi assistenti l’esecuzione dei disegni murali, consegnando loro uno scritto con le varie direttive che però non devono seguire per forza meticolosamente; possono infatti, entro certi limiti, variare e modificare la rappresentazione.

I suoi lavori sono esposti in numerose collezioni pubbliche, tra cui il Museum of Modern Art, il Whitney Museum of American Art, il Solomon R. Guggenheim Museum, l'Art Institute of Chicago, il San Francisco Museum of Modern Art, il Centre National d'Art Moderne Georges Pompidou, Parigi, lo Stedelijk Museum Amsterdam, il Castello di Rivoli di Torino, il Moderna Museet Stockholm e la Tate Gallery, Londra.

Sol LeWitt

Brushstrokes

1995

gouache su carta

28,6 x 19,1 cm

sol lewitt.jpg
Lewitt_MG_9815.jpg

Sede Legale: Via Caleselle di Oriago, 131/b | 30034 Oriago di Mira (VE) | info@marco-orler.it

| Tel. +39 333 4744007

  • Marco Orler Fb
  • Grey Instagram Icon
  • TikTok
  • Youtube
logo-noemi-orler_02v2.png
bottom of page